Che cosa ci ha lasciato Orgatec 2018: un ultimo sguardo

Concetti visionari per una nuova cultura del lavoro

Con il tema “culture@work” Orgatec 2018 ha presentato al suo pubblico concetti visionari per il mondo del lavoro.
Cultura, cioè la conoscenza, per promuovere la diversità delle tipologie di lavoro, la collaborazione, la motivazione e la fiducia che ispira a lavorare in modo più creativo e fanno si che le nostre idee possano prosperare.

Una logica prosecuzione del tema affrontato con Orgatec 2016: “creativity works”

Le cifre, in continua crescita, dimostrano che effettivamente la fiera rimane un punto di riferimento e il principale palcoscenico per il settore dell’arredo ufficio.

Noi di OfficeBit abbiamo visitato la fiera raccontando le principali novità e curiosità.

Tra le novità proposte in fiera ci siamo soffermate su quelle di Frezza e EmmegiTrueDesign, Thonet, Lapalma, DVO. Molto interessanti anche i nuovi concept come l’active light di Zumtobel o l’installazione Work di Vitra.

Tra i prodotti che ci hanno colpito particolarmente ci sono anche le novità dei designer di ProgettoCMR visibili negli stand di Centrufficio Loreto, Citterio, Emmegi, Frezza e LasMobili.

  

Abbiamo dedicato uno Speciale Fiera nel quale è possibile:

– sfogliare le fotografie scattate dal nostro staff in visita a Cologne.

– Visitare la design promenade Un percorso virtuale tra i padiglioni soffermandoci brevemente negli stand che ci hanno colpito maggiormente:

Design promenade Orgatec 2018 – Padiglioni 5, 6 e 7

  

Design promenade Orgatec 2018 – Padiglioni 8 e 9 

Design promenade Orgatec 2018 – Padiglioni 10 e 11

 

Share Button