L’illuminazione per la mostra “Dentro Caravaggio” – Milano Palazzo Reale

Flos ha sviluppato soluzioni luminose ad hoc per far risaltare l’intensità dei colori e la tridimensionalità delle opere.

illuminazione caravaggio

Per la prima volta è possibile ammirare venti capolavori di Caravaggio, provenienti dai maggiori musei italiani e da importanti musei stranieri, tutti insieme, affiancati a straordinari materiali come immagini radiografiche e preziosi documenti storici, che svelano al visitatore il percorso creativo del grande artista lombardo.

Dare luce ad una simile esposizione è un compito altamente delicato e di grande responsabilità. Lo Studio Barbara Balestreri Lighting Design, autore del progetto di illuminazione, ha scelto di lavorare con FLOS per la definizione dei sistemi e corpi illuminanti più adatti ad assolvere tale compito con il massimo rispetto e la più alta performance.

Dalla collezione Flos Architectural sono stati scelti proiettori ad alta efficienza ed affidabilità, e dal design minimale e discreto, tra cui il proiettore UT Spot, apparecchio a LED montato su sistemi di binari trifase.

illuminazione caravaggio

In accordo con il lighting designer, il proiettore è stato dotato di una speciale sorgente luminosa LED che esalta la riproduzione cromatica delle opere senza variarne lo spettro, rendendo il risultato visivo equivalente all’effetto tradizionalmente ottenuto in questo ambito dalle fonti alogene. In modo specifico per le tonalità di rosso, il modulo LED utilizzato permette una valorizzazione superiore rispetto a quella ottenuta dalle fonti alogene, consentendo di evitare l’effetto di calore dato dall’emissione nello spettro infrarosso.

Speciali accessori frontali come lenti e filtri antiabbagliamento sono stati inoltre realizzati in versione custom da Light Contract – divisione contract del Gruppo Flos- non solo per garantire la massima protezione dei materiali preziosi e facilmente deperibili, ma anche per un migliore controllo ottico e sagomatura della luce, e per ridurre al minimo l’eventuale abbagliamento del visitatore.

Tutti gli apparecchi di illuminazione sono dotati di dimmer, al fine di adattare la giusta quantità luminosa ad ogni opera ed esaltare l’uso personalissimo della luce e dell’ombra caratteristico dell’artista, nel rispetto del naturalismo dei suoi soggetti e colori.

L’architetto Barbara Balestreri ha commentato: “Illuminare un maestro della luce come Caravaggio è stata una sfida importante e avvincente. Abbiamo voluto coinvolgere FLOS alla luce di una consolidata collaborazione. L’architettura luminosa di DENTRO CARAVAGGIO ha richiesto lo sviluppo di soluzioni ad hoc che facessero risaltare sia l’intensità dei colori che la tridimensionalità dei soggetti. Abbiamo scelto inoltre di illuminare stanze e le aree intorno alle tele in modo da portare i visitatori dentro le atmosfere degli stessi quadri e di accompagnarli in un viaggio tra i contrasti e le ombre più visionarie della storia dell’arte.”

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>